Il responsabile di Bitcoin Core fa un passo indietro e incoraggia la decentralizzazione

„Una cosa è chiara: questo è un progetto serio ora, e dobbiamo iniziare a prendere sul serio la decentralizzazione“, ha detto Wladimir van der Laan.

Il manutentore principale di Bitcoin Core, Wladimir van der Laan, ha deciso di assumere „ancora di più“ un „ruolo di sfondo“ per il bene di decentralizzare ulteriormente il progetto, secondo un nuovo post sul blog.

Bitcoin Core è il software chiave alla base della rete Bitcoin. Mentre il lavoro di van der Laan è per lo più di natura „amministrativa“, assicurandosi che il codice del progetto proceda senza problemi, alcuni nella comunità lo vedono come una sorta di leader. Come dice van der Laan, è diventato una sorta di „collo di bottiglia centralizzato“.

Il suo annuncio arriva dopo essersi trovato in mezzo alle polemiche giovedì. Alcuni utenti di Crypto Cash non hanno gradito la sua decisione di ritirare il libro bianco da bitcoincore.org, in seguito alle minacce legali di Craig Wright. Ma van der Laan sostiene che questa decisione di ritirarsi da Core è una decisione a cui stava pensando da un po‘.

Gli sviluppatori di Bitcoin pesano i costi di sfidare la rivendicazione di copyright del Libro Bianco

„Inizierò delegando i miei compiti, e diminuendo il mio coinvolgimento. Non ho intenzione di smettere di contribuire a Bitcoin, o anche al progetto Bitcoin Core, ma vorrei togliermi dal percorso critico e assumere (ancora di più) un ruolo di secondo piano“, ha scritto.

Decentrare lo sviluppo di Bitcoin Core

Pensa che questa mossa aiuterà a decentralizzare il progetto, una moneta digitale che si suppone non abbia leader. „Una cosa è chiara: questo è un progetto serio ora, e dobbiamo iniziare a prendere sul serio la decentralizzazione“, ha scritto van der Laan.

La sua decisione è parte di uno sforzo molto più grande per decentralizzare ulteriormente il progetto. Per esempio, il 2020 ha visto un’ondata di aziende Bitcoin che hanno elargito sovvenzioni agli sviluppatori che lavorano a tempo pieno sul protocollo sottostante.

L’exchange OKCoin, per esempio, sta finanziando Marco Falke, che è il mantenitore più attivo dietro van der Laan in termini di commit – modifiche al codice che sono state aggiunte con successo al progetto. Il popolare exchange Coinbase sta ora sostenendo anche due sviluppatori, dopo aver ricevuto molte richieste di farlo dalla comunità. Diverse altre aziende si sono unite a loro nel distribuire sovvenzioni nell’ultimo anno.

Crypto Long & Short: Come lo sviluppo di Bitcoin si sta evolvendo – e cosa c’è dietro

John Newbery, collaboratore di Bitcoin Core, ha lanciato l’organizzazione non-profit Brink per il mentoring e il finanziamento di altri sviluppatori, nel tentativo di coinvolgere ancora più collaboratori, in particolare di diversa provenienza.

Infatti, van der Laan nota nel suo post che lui non è più il più attivo manutentore di Bitcoin Core, dato che molti altri si sono aggiunti nel corso degli anni.

Inoltre, egli delinea altre idee per decentralizzare il progetto. Per esempio, Bitcoincore.org è uno dei principali siti web dove gli utenti possono scaricare nuove versioni del codice Bitcoin Core. Ma è di proprietà privata e centralizzata. Egli suggerisce di spostarlo in un’organizzazione.

„Bitcoin è abbastanza diverso in alcuni dei requisiti qui da altri progetti [software libero e open-source], quindi dovremo sviluppare alcuni strumenti mentre andiamo“, ha scritto van der Laan. „Potremmo anche, sicuramente, usare un po‘ di aiuto qui“.

Ha chiesto ad altri sviluppatori di farsi avanti per prendere il suo posto come leader della riunione settimanale di sviluppo di Bitcoin Core, dove gli sviluppatori discutono i prossimi passi urgenti.