Corrado Club

Palihapitiya „It’s not bitcoin that’s replacing the US dollar.“

admin, · Kategorien: Crypto

„It’s not Bitcoin that’s replacing the US dollar – it’s a stablecoin.“

Recently, the news channel Bloomberg conducted an interview with Chamath Palihapitiya, the CEO of Social Capital. Among other things, the venture capitalist claimed that Bitcoin Champion is sparking a revolution that exposes many flaws in the current financial system.

On 12 February 2021, Bloomberg published the interview on its official YouTube channel. In the course of the interview, Palihapitiya posited that the financial structure will shift as Bitcoin becomes more important. In the same breath, he asks what will eventually replace the US dollar:

I think Bitcoin is very important because it simply shows the fragility of the traditional financial infrastructure. If you just look at the amount and the size of the M2 money supply as an example, the real question we should be asking is: ‚Okay, if Bitcoin becomes a de facto world reserve currency, basically displacing gold, what will replace the US dollar?‘

The answer to the question of what will replace the US dollar is quickly found for Palihapitiya: „It is not Bitcoin that will replace the US dollar. It’s a stablecoin.“ In his opinion, companies that own digital tokens would have completely different, unprecedented financial opportunities. Primarily, he said, advances would be felt in so-called developing countries, as they have less robust financial services infrastructure. Countries like the US would feel this less:

‚But if you look at developing countries and a market where there is some form of currency manipulation or currency instability, that’s the future.

Bitcoin investor Palihapitiya faces criticism

Meanwhile, in the comments column of the video, Palihapitiya’s statements are met with little approval. One user commented as follows:

This guy is a fraud who claims to be on the side of the „little man“.

Another user even goes one step further and claims that the millionaire should be in prison. In January this year, the Bitcoin investor had run for the office of governor of California. In an interview, he described Bitcoin as a security against the fluctuations of the regulated market. BTC ECHO reported.

Il responsabile di Bitcoin Core fa un passo indietro e incoraggia la decentralizzazione

admin, · Kategorien: Bitcoin, Crypto

„Una cosa è chiara: questo è un progetto serio ora, e dobbiamo iniziare a prendere sul serio la decentralizzazione“, ha detto Wladimir van der Laan.

Il manutentore principale di Bitcoin Core, Wladimir van der Laan, ha deciso di assumere „ancora di più“ un „ruolo di sfondo“ per il bene di decentralizzare ulteriormente il progetto, secondo un nuovo post sul blog.

Bitcoin Core è il software chiave alla base della rete Bitcoin. Mentre il lavoro di van der Laan è per lo più di natura „amministrativa“, assicurandosi che il codice del progetto proceda senza problemi, alcuni nella comunità lo vedono come una sorta di leader. Come dice van der Laan, è diventato una sorta di „collo di bottiglia centralizzato“.

Il suo annuncio arriva dopo essersi trovato in mezzo alle polemiche giovedì. Alcuni utenti di Crypto Cash non hanno gradito la sua decisione di ritirare il libro bianco da bitcoincore.org, in seguito alle minacce legali di Craig Wright. Ma van der Laan sostiene che questa decisione di ritirarsi da Core è una decisione a cui stava pensando da un po‘.

Gli sviluppatori di Bitcoin pesano i costi di sfidare la rivendicazione di copyright del Libro Bianco

„Inizierò delegando i miei compiti, e diminuendo il mio coinvolgimento. Non ho intenzione di smettere di contribuire a Bitcoin, o anche al progetto Bitcoin Core, ma vorrei togliermi dal percorso critico e assumere (ancora di più) un ruolo di secondo piano“, ha scritto.

Decentrare lo sviluppo di Bitcoin Core

Pensa che questa mossa aiuterà a decentralizzare il progetto, una moneta digitale che si suppone non abbia leader. „Una cosa è chiara: questo è un progetto serio ora, e dobbiamo iniziare a prendere sul serio la decentralizzazione“, ha scritto van der Laan.

La sua decisione è parte di uno sforzo molto più grande per decentralizzare ulteriormente il progetto. Per esempio, il 2020 ha visto un’ondata di aziende Bitcoin che hanno elargito sovvenzioni agli sviluppatori che lavorano a tempo pieno sul protocollo sottostante.

L’exchange OKCoin, per esempio, sta finanziando Marco Falke, che è il mantenitore più attivo dietro van der Laan in termini di commit – modifiche al codice che sono state aggiunte con successo al progetto. Il popolare exchange Coinbase sta ora sostenendo anche due sviluppatori, dopo aver ricevuto molte richieste di farlo dalla comunità. Diverse altre aziende si sono unite a loro nel distribuire sovvenzioni nell’ultimo anno.

Crypto Long & Short: Come lo sviluppo di Bitcoin si sta evolvendo – e cosa c’è dietro

John Newbery, collaboratore di Bitcoin Core, ha lanciato l’organizzazione non-profit Brink per il mentoring e il finanziamento di altri sviluppatori, nel tentativo di coinvolgere ancora più collaboratori, in particolare di diversa provenienza.

Infatti, van der Laan nota nel suo post che lui non è più il più attivo manutentore di Bitcoin Core, dato che molti altri si sono aggiunti nel corso degli anni.

Inoltre, egli delinea altre idee per decentralizzare il progetto. Per esempio, Bitcoincore.org è uno dei principali siti web dove gli utenti possono scaricare nuove versioni del codice Bitcoin Core. Ma è di proprietà privata e centralizzata. Egli suggerisce di spostarlo in un’organizzazione.

„Bitcoin è abbastanza diverso in alcuni dei requisiti qui da altri progetti [software libero e open-source], quindi dovremo sviluppare alcuni strumenti mentre andiamo“, ha scritto van der Laan. „Potremmo anche, sicuramente, usare un po‘ di aiuto qui“.

Ha chiesto ad altri sviluppatori di farsi avanti per prendere il suo posto come leader della riunione settimanale di sviluppo di Bitcoin Core, dove gli sviluppatori discutono i prossimi passi urgenti.